top of page

Cambio dieta di cane e gatto. Parte 2.


Può capitare di voler o dover cambiare dieta al proprio cane/gatto. Come fare?

Ecco qualche dritta per facilitare la variazione.


· Mescolare.

All’inizio del cambio dieta può risultare vantaggioso mescolare il vecchio alimento con quello nuovo, quest’ultimo prima in piccole quantità, poi, a mano a mano sempre di più a discapito del cibo da sostituire, fino a giungere alla completa sostituzione. In questo modo, il vostro amico a 4 zampe si abituerà gradualmente al nuovo sapore. Questa strategia, inoltre, sarà utile in quei soggetti in cui il cambio repentino dell’alimento tende a dare disturbi intestinali.


· Avere pazienza.

Il cambio di dieta può richiede giorni, ma anche settimane. Infatti, bisognerà armarsi di pazienza in caso di animali malati, magari con sintomi come nausea/vomito, o anche semplicemente in caso di gatti.

Per fortuna ci sono anche soggetti sani che amano variare gusto e, quindi, non creano problemi. Un classico esempio sono i cani di razza Labrador, sempre d’appetito!


· Assecondare i gusti.

Se si possono assecondare le preferenze alimentari del vostro amico a 4 zampe, sicuramente sarete avvantaggiati nel cambio di dieta. Per esempio, vi sono animali che non amano affatto il pesce e, quindi, mangiano poco volentieri o addirittura rifiutano diete che lo contengono. Quindi, sarà bene preferire cibi a base di carne in questi soggetti.

Molti cani preferiscono il cibo umido rispetto alle crocchette, ma si adattano bene anche a quest’ultime. Inoltre, solitamente, apprezzano molto la dieta casalinga!

Il discordo, invece, è diverso per i gatti. Tanti amano il pet food umido, alcuni invece preferiscono le crocchette. Per altri ancora non è nemmeno possibile alimentarli con una dieta casalinga: mangiano solo un tipo di crocchetta/scatoletta, di una specifica marca e con un certo gusto!


· Variare la consistenza e la temperatura.

Intiepidire leggermente il cibo aiuta a sprigionarne l’odore e ciò lo rende così più invitante per cani/gatti. Infatti, alimenti a temperatura da frigo, sono doppiamente controproducenti, sia per l’appetibilità, che risulta diminuita, e sia perché in grado di scatenare il vomito se ingeriti dal vostro amico peloso.

Anche variare la consistenza della pappa vi può aiutare nel far accettare la nuova dieta. Infatti, un alimento umido è spesso meglio accettato dai cani e, a volte, anche dai gatti. In caso vogliate o dobbiate per forza utilizzare delle crocchette poco appetibili (può capitare con diete particolari), si può inumidirle leggermente con acqua tiepida per renderle più gradite: a volte questo piccolo trucchetto funziona.


Se vuoi saperne di più sui motivi per cui si modifica l'alimentazione puoi leggere "Cambio dieta di cane e gatto. Parte 1".


67 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Komentarze


bottom of page